Fa bene

"Fa bene" è un progetto attualmente sviluppato dal Comitato S-Nodi in collaborazione con la cooperativa sociale Liberitutti.
Nasce nel 2013 da un'idea dell'Associazione Culturale PLUG sviluppata in collaborazione con la Cooperativa Sociale Liberitutti e con il supporto del Comitato S-Nodi.

Il progetto fa bene nasce con l’obiettivo di raccogliere le eccedenze alimentari invendute e le donazioni spontanee degli acquirenti all’interno dei mercati rionali e di gestirne la redistribuzione a famiglie in difficoltà economica, in cambio di azioni di “restituzione” nella comunità locale .

I punti chiave del progetto sono l’approccio sistemico in cui le interazioni dei vari soggetti generano un beneficio collettivo per la comunità, l’accesso ad alimenti sicuri, nutrienti e freschi, anche per quelle famiglie che a causa di problemi economici sarebbero costrette a compiere scelte alimentari meno equilibrate, ed infine la ricerca della sostenibilità massimizzando l’impatto sociale e le ricadute positive sull’ambiente.

Lo scopo ultimo di fa bene è generare cambiamento culturale nelle pratiche di contrasto all’esclusione sociale:
-promuovendo la cultura della reciprocità
-promuovendo la cultura della della prossimità e della corresponsabilità
-sviluppando pratiche di welfare generativo di interesse pubblico volto a generare risorse, non solo a ridistribuirle

Sul mercato viene raccolto il cibo donato e invenduto e portato al termine della giornata di mercato presso la Casa del Quartiere di riferimento. Qui viene pesato e consegnato alle famiglie inserite nel progetto.

Ogni famiglia ritira 2 volte alla settimana un pacco di cibo fresco proveniente dal proprio mercato rionale e in seno ad un principio di reciprocità, “restituisce” quanto ricevuto svolgendo fino a 20 ore al mese di attività in favore del loro territorio.

Questi percorsi di restituzione sono costruiti insieme a un educatore e hanno l'obiettivo di incentivare la partecipazione attiva delle persone alla vita comunitaria e far emergere le loro abilità e competenze. Le famiglie vengono così sostenute ed uscire dal loro momento di difficoltà grazie ad un reinserimento attivo all'interno del loro contesto socio-economico di riferimento.

Leggi l'articolo dedicato: http://piemonte.checambia.org/articolo/progetto-fa-bene-coesione-sociale-parte-dal-cibo/

Trovi interessante questa scheda? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

LE ULTIME REALTÀ INSERITE

Semi di comunità

Agricoltura
LEGGI SCHEDA

Nativa

Imprenditoria
LEGGI SCHEDA

EcoBelmonte Albergo Diffuso

Viaggiare
LEGGI SCHEDA

Istituto CHANGE

Salute e alimentazione
LEGGI SCHEDA

Lanificio Fratelli Piacenza

Lavoro e imprenditoria
LEGGI SCHEDA

Amici della Lana

Arte e cultura
LEGGI SCHEDA

Quartieri Uniti Ecosolidali Livorno

Stili di Vita
LEGGI SCHEDA

Make in Nuoro

Lavoro
LEGGI SCHEDA

Foodstock - Azienda Agricola

Agricoltura
LEGGI SCHEDA

Effetto Palla

Animali
LEGGI SCHEDA